Preloader Close
  • +39 3287204229

DeP ha incontrato oggi lo chef albanese Altin Prenga, uno dei protagonisti più attesi del calendario del Cluster Bio-Mediterraneo all’Esposizione universale a Milano.

Pastrema di capra, Kyrmoxhak di mucca, formaggio di capra stagionato sottoterra con timo, gliko con fico selvatico, sfogliata di Tarhana, zuppa in terracotta con erbe di stagione, Dromesa ossia “briciole”, capretto con latte vaccino in terracotta, spiedini di pecora con aceto di melagrana il tutto bagnato rigorosamente da vino Kallmet – sono parte delle delizie preparate oggi dallo chef albanese durante lo show cooking all’Expo. Un’esplosione di sapori intensi tipici della tradizione culinaria dei pastori albanesi che ha subito conquistato il pubblico desideroso di scoprire il Paese delle aquile anche attraverso la sua cucina.

D’altronde Altin Prenga di conquiste ne ha già fatte tante. All’ombra delle fate – Mrizi i Zanave – a piè delle Alpi albanesi, sulla morbida collina di Fishta, Altin, insieme al suo fratello Anton, ha aperto il primo Convivium Slow Food albanese nel 2010. Con la regola ‘Zero chilometri’ ha dato nascita a una rete di circa 200 famiglie che, nel rispetto della terra e delle stagioni, fornisce al ristorante, giorno dopo giorno, i prodotti più genuini del loro territorio. Un esempio di eccellenza non solo della cucina albanese, ma anche di responsabilità sociale intesa a 360° dove la condivisione e la valorizzazione delle risorse sono di casa.

E con questo stesso spirito Altin e il team hanno accompagnato la preparazione delle pietanze durante lo show cooking di oggi con racconti e spiegazioni per meglio illustrare ai partecipanti quanto di più tradizionale nella cucina albanese.

L’evento è stato organizzato dall’ONG CELIM Milano e da Convivium Slow Food Albania Mrizi i Zanave in collaborazione con Ministero Agricoltura, Sviluppo Rurale e Gestione risorse Idriche albanese, AIDA – Agenzia Albanese dello Sviluppo e degli Investimenti e Dora e Pajtimit nell’ambito del Progetto “Rafforzamento delle Filiere Agroalimentari delle Comunità Montane e Rurali di Pukë e di Cukalat in Albania per uno Sviluppo Agricolo Sostenibile”, finanziato dal Comune di Milano nel quadro del Bando Sicurezza Alimentare 2013.


Altin

pubblico 21jpgJari 4 375A2283Pali Renato 1 375A2334 375A2138Altin_Antonpubblico 2Luli_RezartAltin_ Marmellate 375A2139Altin_Anton_SiciliaCibo 375A2146Coppia Tradizionale_1
Jari 2L_J375A2222375A2430375A2417 375A2466375A2490375A2497

375A2526
Bashkimi_Luli

Dora e Pajtimit (Author)

Nel 2007, nella convinzione che per le comunità albanesi colpite dal terribile fenomeno del Kanun si può fare molto, moltissimo anche a livello sociale, abbiamo deciso di creare a Scutari una nuova associazione, chiamata Dora e Pajtimit (DEP), composta da giovani che risiedono nella città, nonché da giovani che studiano in Italia.

Leave a Comment

You must be logged in to post a comment.